Day 3: Storia di una ladra di libri

Day 3: Storia di una ladra di libri

Siamo al terzo giorno della rubrica e mi sento di consigliarvi “Storia di una ladra di libri” di Markus Zusak. Lasciate stare il film, se lo avete visto, perché il romanzo è tutt’altro, a dir poco magnifico.

Un urgano di emozioni, in grado di sconvolgerti i pensieri.

Ambientato nella Germania nazista, nel periodo della seconda guerra mondiale, il libro racconta le vicende della giovane protagonista Liesel. E’ proprio lei a cercare le lettere, le sillabe e le frasi nascosti, trasformandosi così in una vera e propria ladra di libri. I manoscritti diventano per lei un tesoro, un arma molto importante con cui difendersi dalla realtà stessa, ma al contempo anche un posto sicuro dove rifugiarsi.

Ma ciò che rende a mio parere “la storia di una ladra di libri” ancora più’ originale e interessante è la voce narrante. Non è Liesel a raccontare e nemmeno lo scrittore, ma un personaggio esterno, invisibile che si muove nella penombra. Lo conosciamo bene, spesso lo confondiamo con la paura ma essa stessa si rivela fragile e sensibile. Diversa da come spesso la descriviamo, un mostro o un incubo ricorrente. Non vi svelerò la sua identità, non è mia intenzione ma vi invito a leggere per scoprire voi stessi di cosa, o meglio chi, stiamo parlando.

Parole, colori, sogni e lacrime.. ecco cosa riesce a regalare la lettura di questo libro.

Storia di una ladra di libri invita a riflettere ed è sicuramente un romanzo in grado di catturare la nostra anima.

Jasmine

Capricorno ascendente capricorno, combatto per i diritti umani da ogni parte del mondo.

Lascia un commento